Perché si diventa rossi in faccia quando si prova vergogna o alcune emozioni?



Answer:
Carina.... te l'ho cercata... te la riporto...
Quando incontri una persona e ti mandi quel messaggio "penserà che sono timido", il cervello riceve le informazioni e scatta l'allarme, cioè si mettono in moto i meccanismi di difesa che ti dovrebbero consentire di affrontare meglio il problema.

Infatti che succede quando si arrossisce? Affluisce più sangue al viso, quindi più calore che produce necessariamente sudore per fare abbassare la temperatura. Non serve a niente dirsi e ripetersi "non sono timido" perché non puoi crederci e quindi stavolta il meccanismo di auto-inganno non funziona.

Sono altre le strategie:
1) accettare di arrossire, (che significa vergognarsi al pensiero che l'altro ci sta scrutando, giudicando), così il problema non mette più in allarme e a livello biochimico non si producono le difese
2) guidare i pensieri al positivo "stavolta sarà un piacere incontrare quella persona, oggi mi sento veramente in forma, ho imparato a rilassarmi"(hai già provato, come consiglio io?)
3) acquisire abilità di autocontrollo e autofiducia
4) registrare e trascrivere tutti i pensieri che affluiscono alla mente in situazioni che ritieni poco favorevoli.

In un altro posto (secondo link che ti scrivo) leggo che può essere ereditario!!!
Ciao!!!!!
A me succede spessissimo ed è una cosa che non so controllare ! quando sono in imbarazzo oppure mi emoziono per qualcosa divento rossa..per la persona che ho difronte sono trasparente su certe cose..ma forse è bello così..lasciarsi andare alle emozioni è una delle cose più belle e non bisogna vergognarsene, anzi! :O) sorriso per te!
Semplicemente perchè quando si provano emozioni aumenta il battito cardiaco e di conseguenza l'afflusso di sangue nei capillari che si dilatano.. Nel caso di emozioni o di vergonga specificatamente i capillari del viso, creando il colore rosso...
Il colore acceso ( rossore)che il volto assume è dovuto all’aumento repentino della quantità di sangue nei vasi superficiali dilatati ( in inglese: facial blushing) x cui si avverte un senso di forte calore che sale verso il viso. Il rossore ovviamente è maggiormente visibile nelle popolazioni di carnagione chiara.

Strettamente connessi sono alcuni fattori legati alla paura di commettere errori, di far brutta figura, di fallire un obiettivo, di non sentirsi all’altezza delle situazioni, alla frustrazione di non raggiungere la perfezione desideratama anche ad intense emozioni..E tuttavia io penso che rimanga una manifestazione spontanea da rivalutare ( non un difetto) in quanto il rossore può essere inteso come compensazione al nostro razionalismo, alla falsa calma al falso distacco
Si arrossisce infatti quando non c'è elaborazione, in certi aspetti del tempo e della psiche, tra cuore e pensiero.
Il cuore, in sostanza, non si non si fa fuorviare dalle vane e facili parole della mente che sa mentire e quindi arrossire è in certa misura l'espressione + genuina dei nostri sentimenti.

Rispondere all'alberino dall'utente, la precisione del soddisfare della garanzia di QnAit.com non

  • Cosa può comportare una frattura lieve al cranio?
  • Ciste ovarica?
  • Psicologi?
  • Gli additivi chimici presenti nei cibi industriali, in che modo ci danneggiano?
  • Sesso o amore?? quale preferite e in quali occasioni?
  • Ciao, mi servirebbe un ORTOPEDICO se c'è, oppure qualcuno che se ne intenda!?
  • XLE RAGAZZE: domanda sul'ovulazione!!?
  • Mononucleosi: il periodo di 'incubazione' si verifica sempre?
  • Sintomi SM?